che orrore

Avvalendomi delle mie prerogative di sovrano, ho deciso di benignamente perdonare l’aggressore la cui labile mano √® stata armata dall’odio verso di me che invece tutti amo. Ma i miei fidi servitori dell’ordine giudiziario di Sua Maest√† Silvio I Martire siano avvertiti...